SOS RONDONI – SPECIALE SCUOLA

1. Il Contesto di Riferimento
Le Nazioni Unite hanno battezzato il periodo 2011-2020 come “decade della Biodiversità” e l’Unione Europea si è posta l’arresto della perdita di biodiversità e del degrado degli ecosistemi tra i suoi obiettivi primari per il 2020 oltre a quello di ripristinare almeno il 15% degli ecosistemi degradati.
Conservare la biodiversità è un imperativo etico per l’uomo ma è anche utile in quanto da essa dipende il nostro benessere. La biodiversità infatti ci fornisce i “servizi ecosistemici”, funzioni e processi ecologici che sostengono l’uomo e ne migliorano la qualità della vita.
I servizi ecosistemici possono essere suddivisi in 4 categorie:
– Servizi di approvvigionamento o ecosistemi che forniscono cibo, legno, medicine e altri prodotti utili.
– Servizi di regolazione come il controllo delle alluvioni e la stabilizzazione del clima
– Servizi di supporto come l’impollinazione, la formazione del suolo e la purificazione dell’acqua.
– Servizi culturali, ovvero estetici, spirituali, e ricreativi, che producono benefici sia intangibili che tangibili come per esempio un richiamo turistico.

Negli ambienti urbani tra i servizi ecosistemici più importanti apportati dalla biodiversità ci sono quelli relativi alla riduzione dell’inquinamento, al sequestro del carbonio, alla regolazione del micro-clima e al benessere psico-fisico dei cittadini.
I rondoni sono tra gli uccelli maggiormente legati all’uomo dal momento che, per riprodursi, utilizzano cavità, anfratti e buche pontaie di edifici storici e moderni.
Dal punto di vista dei servizi ecosistemici, con i voli arditi, le evoluzioni aeree e le grida acute sono una presenza allegra in città, annunciano l’estate e affacciano coloro che sanno alzare lo sguardo oltre il traffico e la frenesia cittadina. Si nutrono inoltre di insetti che catturano in volo tra cui migliaia di zanzare e afidi dannosi all’agricoltura.

Sono uccelli migratori e coloniali e ogni anno intorno a metà marzo ritornano sui cieli milanesi per riprodursi per partire già a fine luglio il rondone comune e metà ottobre il rondone pallido, dopo aver portato a termine rispettivamente una e due covate di 2-3 piccoli ciascuna.
Sebbene siano ad oggi considerati “a minor rischio di conservazione”, negli ultimi 30 anni le popolazioni di queste specie si sono ridotte in Europa del 25%, a causa dei restauri e delle manutenzioni agli edifici entro cui nidificano, che chiudono le cavità utilizzate per riprodursi e cancellano di fatto le colonie.

SOS Rondoni è un’azione promossa da Progetto Natura Onlus con il sostegno di Fondazione Cariplo a tutela dei rondoni a Milano.
Scopo del progetto è proteggere i rondoni, monitorando e identificando le colonie, coinvolgendo gli enti che hanno la responsabilità di gestire il patrimonio edilizio storico e moderno per identificare insieme buone pratiche condivise per mitigare gli impatti di restauri e manutenzioni sulla riproduzione dei rondoni e sensibilizzare i cittadini affinché collaborino nel segnalare le colonie e i casi di criticità, come ad esempio cantieri aperti durante il periodo riproduttivo su edifici che ospitano colonie.

Il dibattito a livello mondiale sulla conservazione della natura dimostra come l’educazione ambientale rappresenti oggi una sfida non più procrastinabile per responsabilizzare i cittadini di tutte le età ad assumere comportamenti e stili di vita all’insegna del rispetto dell’ambiente. Il contributo che l’educazione ambientale può fornire nel processo di conservazione delle risorse naturali e della biodiversità è promuovere cambiamenti nei comportamenti individuali e collettivi, agendo sui valori, sugli atteggiamenti e sulle conoscenze. Dal momento che è stato dimostrato che gli atteggiamenti ambientali si formano nel corso dell’infanzia, i progetti rivolti alle scuole sembrano essere i più indicati per arrivare a formare una coscienza ecologica negli adulti di domani. L’attenzione rivolta anche in Italia a queste tematiche è dimostrata dalle linee guida ministeriali all’educazione ambientale e alle Linee d’Indirizzo dell’Educazione Ambientale e della Sostenibilità dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia.

2. Obiettivo del progetto
Obiettivo del progetto è sensibilizzare gli studenti della scuola primaria di primo e secondo grado della città di Milano sui temi della biodiversità in generale, della biodiversità negli ambienti urbani e sui rondoni in particolare e coinvolgerli nel monitoraggio delle colonie cittadine.

3. Articolazione delle attività
Il progetto si articolerà nelle seguenti fasi:

FASE 1) Incontro per insegnanti (2 ore) dove verranno trattati i seguenti temi:
– Significato del termine biodiversità
– Perché è importante la biodiversità
– Cosa minaccia la biodiversità
– Presentazione del concorso di creatività sui rondoni.

FASE 2) incontro in classe sulla biodiversità urbana con focus sulla biologia dei rondoni.
Nel corso del secondo incontro (2 ore), grazie a una presentazione multimediale verranno trattati i seguenti temi:
– La biodiversità in città, perché è importante proteggerla
– L’ambiente urbano, un habitat accogliente anche per numerosi abitanti non umani
– Edifici e parchi urbani, ad ogni specie una casa
– I rondoni i signori dei cieli di Milano, biologia e conservazione
– Come raccogliere i dati sul percorso casa-scuola.

FASE 3) Uscita al Castello Sforzesco/parco Sempione per compiere osservazioni sui rondoni e altri elementi della biodiversità urbana e sperimentare come raccogliere i dati (4 ore, spostamenti con i mezzi pubblici).

In ogni scuola che aderirà al progetto verrà allestita per una settimana una mostra interattiva sui rondoni, costituita da tre moduli auto portanti base 70 x 70 cm altezza 200 cm.

4. Costi
Il pacchetto comprende:

– Un incontro/scuola (2 ora) rivolto agli insegnanti
– Un incontro/classe (2 ore) rivolto agli studenti
– Una uscita al parco Sempione/Castello Sforzesco (4 ore)
– L’affitto della mostra interattiva per una settimana
– Un CONCORSO DI CREATIVITÀ online sui rondoni che vedrà premiati i primi 3 classificati.

Per la realizzazione del progetto è richiesto un contributo di 250 euro/classe
I vincitori del CONCORSO avranno due abbonamenti annuali a FOCUS e FOCUS JUNIOR.

Scarica qui il progetto dettagliato di SOS rondoni per le scuole:

WORD PROGETTO DI EDU AMB SOS RONDONI

Scarica qui la locandina delle attività per le scuole:

Locandina_Progetto_Scuole